Inquinamento

Quali sono i fattori che incidono a livello ambientale causando inquinamento? Sono i diversi fattori di produzione: per esempio i materiali di costruzione delle serra, il consumo d’acqua, i fertilizzanti, gli antiparassitari e i prodotti chimici. Più sono i fattori di produzione più alto è l’impatto inquinante.

Impronta ecologica

L’impronta ecologica, calcolata in anidride carbonica equivalente (CO2e) è l’impatto che un prodotto o un'attività hanno sul cambiamento climatico.

Vedi approfondimento

Trasporto

Sull’impatto di un prodotto incide la distanza tra luogo di produzione e luogo di vendita e la scelta di tipologia di trasporto che ha impatti molto diversi (es. aereo, via mare, su ruota).

Vedi approfondimento

Scopri cosa cambia in base alle tue scelte
di acquisto e alle tue abitudini!

Frutta

image01
image04
Cestino di fragole
  • trascurabile emissione di CO2e
  • di stagione
  • coltivate sul balcone
Per saperne di più
image01
image04
Cestino di fragole
  • 1,8 kg CO2e (7,2 kg per kg)
  • fuori stagione
  • importate via aerea o coltivate localmente in serra
Per saperne di più
image01
image04
Cestino di fragole
  • 150 g di CO2e(600 g per Kg)
  • di stagione
  • coltivate nella nazione
Per saperne di più
image01
image04
Una banana
  • 80 g di CO2e
  • importata dall'Ecuador
Per saperne di più
image01
image04
Un'arancia
  • 90 g di CO2e
  • di stagione
  • coltivate su territorio nazionale
Per saperne di più
image01
image04
Una mela
  • 10 g di CO2e
  • di stagione
  • coltivate su territorio nazionale
Per saperne di più

Floricoltura

image01
image04
Una rosa
  • trascurabile emissione di CO2e
  • coltivata nel giardino di casa
  • senza fertilizzanti chimici
Per saperne di più
image01
image04
Una rosa
  • 350 g di CO2e
  • coltivata in Kenia
  • spedita in aereo
Per saperne di più
image01
image04
Una rosa
  • 2,1 Kg di CO2e
  • coltivata nei Paesi Bassi
  • spedita in aereo
Per saperne di più

Trasporto

image01
image04
Tragitto casa-scuola
  • 90 g di CO2e pe 1,6 Km
  • in bicicletta
Per saperne di più
image01
image04
Tragitto casa-scuola
  • 150 g di CO2e pe 1,6 Km
  • in autobus
  • pieno
Per saperne di più
image01
image04
Tragitto casa-scuola
  • 710 g di CO2e pe 1,6 Km
  • in auto
  • con auto di media cilindrata
Per saperne di più

Proteine

image01
image04
1 kg di formaggio stagionato
  • 4,76 Kg di CO2e
Per saperne di più
image01
image04
1 kg di legumi
  • 0,78 Kg di CO2e
Per saperne di più
image01
image04
1 kg di carne rossa
  • 6,32 Kg di CO2e
Per saperne di più

Packaging

image01
image04
½ litro di acqua
  • trascurabile emissione di CO2e
  • del rubinetto
Per saperne di più
image01
image04
½ litro di acqua
  • 110 g di CO2e
  • imbottigliata
  • distribuita localmente
Per saperne di più
image01
image04
½ litro di acqua
  • 215 g di CO2e
  • imbottigliata
  • lungo trasporto (965km)
Per saperne di più

Approfondimento

Impronta ecologica

“Fra i diversi tentativi fatti dagli scienziati per spiegare e misurare l’impatto dell’uomo sulla Terra, uno dei più interessanti è sicuramente quello basato sul concetto di impronta ecologica. L’idea, nata negli anni Novanta, si deve all’ecologo William Rees dell’Università della British Columbia (Canada) al suo collaboratore Mathis Wackernagel: fino a quel momento ci eravamo sempre chiesti “quante persone possono vivere sulla Terra?”. Wackernagel ebbe un'intuizione diversa e capovolse la domanda “quanta terra serve a ognuno di noi per vivere?”: è un modo diverso di vedere le cose , con il quale invece di dare la priorità agli esseri umani e al loro numero, si cerca di guardare la situazione dal punto di vista della Natura, per capire quanto male possiamo farle. Il nome "impronta" è molto significativo, perché ci fa pensare subito alla traccia che lasciamo nel terreno camminando: più siamo pesanti, più schiacciamo con i nostri passi il suolo dove passiamo e più lo roviniamo. L’impronta ecologica ci permette di cogliere in modo semplice e immediato la relazione tra lo stile di vita di un individuo o di una popolazione e la “quantità di natura” necessaria al loro sostentamento. Per calcolare con la massima precisione possibile questa impronta è necessario raccogliere molti dati e fare calcoli piuttosto complicati. Ma è possibile fare delle semplificazioni. Ognuno di noi lascia la sua impronta, più o meno grande e profonda a seconda del suo stile di vita.”
Rossella Rossi (Responsabile di progetto), Il nostro peso sul Pianeta. Percorso didattico sull’impronta ecologica, Unità 1, Premessa, pag. 3, Istituto Oikos.

Co2

“L'anidride carbonica (nota anche come biossido di carbonio o diossido di carbonio) è un ossido acido (anidride) formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È una sostanza fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali. È ritenuta uno dei principali gas serra presenti nell'atmosfera terrestre. È indispensabile per la vita e per la fotosintesi delle piante, ma è anche responsabile dell'aumento dell'effetto serra.”

Co2e

“Il cambiamento climatico provocato dall’uomo, noto anche come riscaldamento globale, è causato dal rilascio di alcuni tipi di gas nell’atmosfera. Il principale gas­serra prodotto dall’uomo è l’anidride carbonica (CO2), emessa ogni qualvolta bruciamo combustibili fossili nelle nostre case, nelle fabbriche o nelle centrali elettriche. Tuttavia esistono anche altri importanti gas­serra. Il metano (CH4), per esempio, sprigionato dalle attività agricole e dalle discariche, è 25 volte più potente dell’anidride carbonica. Ancor più potenti, ma per fortuna emessi in quantità inferiori, sono il protossido di azoto (N2O) circa 300 volte più inquinante dell’anidride carbonica ed emesso principalmente dai processi industriali e dagli allevamenti intensivi, e i gas refrigeranti, diverse migliaia di volte più potenti dell’anidride carbonica. ...Dal momento che un unico prodotto o attività può causare l’emissione di diversi gas­serra, se ne delineiamo l’impronta di carbonio complessiva otteniamo un risultato piuttosto incerto. Per evitare questa confusione, per convenzione si esprime l’impronta di carbonio in termini di anidride carbonica equivalente (CO2e): in altre parole l’impatto totale sul cambiamento climatico di tutti i gas­serra causato da un prodotto o da un'attività.”
Mike Berners­Lee, La tua impronta. Scopri l’impatto ambientale di ogni cosa. Da una pinta di birra a un viaggio nello spazio, Terre di Mezzo Editore, 2013, pagg. 14­15.

Approfondimento

Impronta ecologica

La scelta della tipologia di trasporto incide fortemente sull’impatto ambientale del prodotto. “...è noto che le emissioni degli aerei che ogni giorno solcano i nostri cieli hanno un impatto maggiore di quello che si avrebbe bruciando la stessa quantità di combustibile a terra....la maggior parte dei km percorsi dai cibi è coperta via mare,... le navi sono in grado di trasportare il cibo per il mondo con un’efficienza di circa 100 volte superiore a quella degli aerei. ...Il trasporto su gomma ha quasi lo stesso impatto di quello di un aereo, ma di solito avviene su distanze molto inferiori”.
Mike Berners­Lee, “La tua impronta, Scopri l’impatto ambientale di ogni cosa. Da una pinta di birra a un viaggio nello spazio.” Terre di Mezzo Editore, 2013, p. 242

Per saperne di più

Buone notizie

In Italia 2,7 milioni di persone si occupano di orti urbani. L’agricoltura sul balcone è ormai una realtà: lo confermano i dati pubblicati da Osservatorio Nomisma, nello studio 'Vita in Campagna'

Per saperne di più

Attenzione

La coltivazione in serra ha, in termini generali, un impatto simile a una spedizione aerea.

Per saperne di più

Attenzione

Questi dati valgono se le fragole sono coltivate con metodo tradizionale. L’impronta ecologica dipende anche da fattori come il suolo, l’uso di fertilizzanti e la coltivazione in serra.

Per saperne di più

Buone notizie

La bassa impronta di CO2e delle banane è dovuta al fatto che queste crescono al sole e non in serra, hanno una buona conservazione, il trasporto avviene in nave (emissioni pari a circa l’1% di quelle trasportate in aereo) e richiedono poco imballaggio.

Per saperne di più

Attenzione

L’impronta ecologia dell’arancia aumenta quando queste sono coltivate fuori stagione e trasportate.

Per saperne di più

Attenzione

L'impronta ecologica della mela aumenta a 150 g di CO2e se refrigerata e prodotta in modo inefficiente.

Per saperne di più

Buone notizie

Questi dati valgono se la rosa viene coltivata con metodo tradizionale, cioè piantandola in terra nel nostro giardino. L’autoproduzione impatta molto poco.

Per saperne di più

Attenzione

Un operaio keniano viene pagato circa un terzo di centesimo di euro per ogni rosa raccolta, per un totale di 3700 scellini al mese, meno di 40 euro. Un operaio italiano prende per ogni rosa di 10.

Per saperne di più

Attenzione

Il peso dell'impronta ecologica della rosa è dato soprattutto dalla coltivazione in serra. Una rosa può arrivare ad avere lo stesso impatto sul cambiamento climatico di 4,5 kg di banane.

Per saperne di più

Buone notizie

L’energia che usiamo deriva dal cibo che mangiamo, che ha un impatto ambientale. In questo caso l'impronta di CO2e è calcolata ipotizzando che il nostro studente, prima di mettersi in viaggio, abbia fatto una colazione a base di latte e cereali

Per saperne di più

Attenzione

L'impronta ecologica di questo tragitto dipende anche dall’efficienza, dalla buona manutenzione del bus, da quante persone che trasporta e dal numero di fermate compiute.

Per saperne di più

Attenzione

L'impronta ecologica di questo tragitto dipende anche dall’efficienza e dalla buona manutenzione dell’auto e dal numero di passeggeri trasportati.

Per saperne di più

Attenzione

L’85% dell’impronta di carbonio del latte usato per fare il formaggio deriva dall’allevamento, a questa vanno aggiunte le fasi per la caseificazione, il trasporto e l’imballo.

Per saperne di più

Buone notizie

La Dieta Mediterranea, che è patrimonio culturale immateriale dell’umanità, consiglia il consumo di legumi dalle 2 alle 4 volte alla settimana. Una dieta equilibrata che comprenda l'associazione di cereali e legumi è completa dal punto di vista proteico, in quanto fornisce all'organismo tutto lo spettro amminoacidico necessario.

Per saperne di più

Attenzione

La carne di manzo è un cibo anti-ecologico. Circa i nove decimi di impronta generata dalla carne derivano dall’allevamento del bestiame.

Per saperne di più

Buone notizie

L’acqua del rubinetto è sottoposta a controlli severissimi. Non viene stoccata nei magazzini per lungo tempo e non rischia di essere sottoposta a condizioni ambientali (luce e calore), che ne alterano le caratteristiche organolettiche.

Per saperne di più

Buone notizie

Il peso dell'impronta ecologica di questo mezzo litro d’acqua è dato soprattutto dalla bottiglia. Gli italiani bevono in media 195 litri a testa all’anno di acqua minerale, producendo 100 mila tonnellate di plastica da smaltire.

Per saperne di più

Attenzione

Il peso dell'impronta ecologica di questo mezzo litro d’acqua è dato soprattutto dal trasporto. L’imbottigliamento e il trasporto su gomma di 100 litri d’acqua che viaggiano per 100 km producono emissioni almeno pari a 10 kg di anidride carbonica.