Il ciclo della vita e della fertilità

All’origine del nostro sistema universale vi sono 4 elementi: Fuoco, Aria, Acqua, Terra.
La loro interazione ha permesso l’origine della vita.

In natura la vita è un ciclo chiuso in continua trasformazione: la Terra produce, accoglie e trasforma i suoi stessi frutti, rinnovandosi attraverso la fertilità. La fertilità deriva soprattutto dalla trasformazione dei residui delle piante e degli altri esseri viventi che si ritrovano nel suolo, il cui prodotto è chiamato HUMUS.

La fertilità della Terra è la risorsa del nostro Pianeta e quindi la ricchezza della nostra Società.

La chiave della vita è nella creazione e nel mantenimento della fertilità.

Il ciclo degli elementi

L’interazione tra gli elementi del nostro Pianeta è resa possibile dalla presenza delle piante: le radici assorbono l’Acqua presente nella Terra, le foglie assimilano la Luce e l’Aria (in cui è presente Anidride Carbonica), producendo materia organica, vapore acqueo e gas.

La fotosintesi clorofilliana delle piante è lo strumento che permette di trasformare gli Elementi in Prodotti (foglie, rami, tronchi, frutti, fiori, semi, tutte le parti dei vegetali…) I prodotti nutrono l’uomo e ritornano alla Terra, creando Humus e generando fertilità.

In Natura (Ecosistema Naturale) la quasi totalità dei residui prodotti dagli organismi viventi (piante e animali) tornano alla Terra, producendo nuova Sostanza Organica. L’agricoltura convenzionale, invece, non restituisce i prodotti della Terra alla Terra stessa: li sottrae, utilizzandoli in parte come alimenti, ma nella maggior parte dei casi eliminandoli come rifiuti nelle discariche.

La produzione dei rifiuti, la decrescita

Il genere umano, con il suo sviluppo, altera il ciclo naturale e consuma il suolo per creare le città e la società urbana.

Lo sviluppo della società richiede di produrre molto in poco spazio: questo ha spinto verso l’industrializzazione dell’agricoltura.

Per essere industrializzata l’agricoltura diviene specializzata e sostituisce alla policoltura (coltivazione di diverse specie di piante in uno stesso campo) la monocoltura (coltivazione di un’unica specie di pianta in tutto il campo). In questo modo diminuisce la varietà degli esseri viventi presenti (diminuzione della biodiversità) con un conseguente impoverimento della Terra e dell’Ecosistema Naturale. Il risultato di questo processo è che si riduce la capacità della Terra di produrre frutti (fertilità naturale), obbligando gli agricoltori a sostituirla con il consumo di altre e nuove risorse del suolo (fertilizzanti chimici, antiparassitari, ausilio di macchine agricole, etc).

I paesi occidentali per continuare a sostenere il loro sviluppo hanno quindi iniziato a sfruttare le risorse dei paesi del sud del mondo, appropriandosi di terreni che sono stati tolti alle popolazioni locali (landgrabbing) per coltivare quello che serve loro, sfruttando a proprio vantaggio le risorse naturali presenti.

All'origine del nostro sistema universale
vi sono 4 elementi: Fuoco, Aria, Acqua, Terra.
L’interazione tra gli elementi del nostro Pianeta
è resa possibile dalla presenza delle piante.

Come funziona l’interazione tra i 4 elementi?
Cosa succede se alteriamo l’equilibrio tra gli elementi?

Aria

L’Aria è composta da:
Azoto 78%, è un gas inerte; Ossigeno 20,95 %, è un gas attivo, uno dei prodotti della fotosintesi clorofilliana; Anidride Carbonica 1,05%; Acqua, sottoforma di vapore acqueo; Gas inerti.

Acqua

L’Acqua occupa il 71% della superficie terrestre, di questa solo il 2,5% è dolce. Sul nostro Pianeta dell’Acqua dolce disponibile lo 0,3% è quella in fiumi e laghi, il 29,9% è nel sottosuolo e il restante 68,9% bloccata nel ghiaccio.

Fuoco

È la fonte naturale di energia, il motore della natura. Il Sole è Fuoco. Il Sole è Luce.

Terra

La Terra è costituita da una parte vitale, che si origina dalla decomposizione dei residui degli altri esseri viventi (piante e animali), detta Sostanza Organica, e una parte inerte, costituita da sabbia, limo e argilla.

Aria

L’Ossigeno si combina con altri elementi sostenendo la vita. L’Anidride Carbonica proviene dall’attività biologica (fotosintesi clorofilliana) e dalle attività dell’uomo. La sua presenza in eccesso è una delle cause dell’effetto serra. L’Azoto, ad alte temperature, si combina con Ossigeno, Idrogeno e Carbonio.

Acqua

L’Acqua penetra nella Terra e discioglie le sostanze utili alla pianta, assorbite attraverso le radici. L’Humus permette alla Terra di trattenere l’Acqua, rendendola disponibile per le piante. In sua assenza l’Acqua penetra in profondità e si disperde nel sottosuolo. L’Acqua è il mezzo in cui avvengono le reazioni chimiche che originano la vita. Per essere vitale, l’Acqua deve essere in movimento, altrimenti c’è morte (freddo>congelamento, ristagno>imputridimento).

Fuoco

Il Sole permette il funzionamento della fotosintesi clorofilliana delle piante, che trasformano gli elementi in prodotto. I vegetali catturano la luce e la trasformano in foglie, frutta, semi (prodotti) e nuova Aria.

Terra

La Sostanza Organica è presente negli strati più superficiali del suolo (10-30 cm) e ne determina la fertilità. Costituisce l’Humus e accoglie i microorganismi, gli insetti, i lombrichi. Sabbia, limo e argilla sono prodotti dal disfacimento delle rocce e si aggregano tra loro, in particelle inerti più complesse.

Aria

Le attività dell’uomo immettono inquinanti nell’atmosfera, tra cui quantità eccessive di Anidride Carbonica (CO2).

Acqua

L’attività dell’uomo, che non permette ai prodotti di tornare alla Terra e che altera il ciclo chiuso naturale, favorisce lo scorrimento dell’Acqua negli strati profondi del suolo, rendendola non disponibile per le piante. Anche l’inquinamento con sostanze chimiche (concimi, antiparassitari, etc) diminuisce la disponibilità dell’Acqua.

Fuoco

L’intervento dell’uomo altera il sistema naturale, introducendo prodotti inquinanti e inducendo l’innalzamento delle temperature terrestri: effetto serra, buco nell’ozono, riscaldamento del globo terrestre.

Terra

Le attività dell’uomo, come la deforestazione, la monocoltura, la cementificazione, creano inquinamento da sostanze chimiche e provocano l’impoverimento della Sostanza Organica della Terra e la perdita di fertilità.